Questo Articolo Potrebbe contenere link di Affiliazione dei link di affiliazione Amazon o Awin, cliccando sui link e successivamente effettuando un acquisto mi permetterete di guadagnare una piccola commissione, nessun aumento di prezzo ovviamente. Maggiori informazioni qui.

Migliori Siti di Immersione nelle Filippine! Top 7 con Video

Migliori Siti di Immersione nelle Filippine! Top 7

Le Filippine non sono Spiagge e Relax ma anche una dei più belli e importanti siti di Immersione di tutto il mondo, se state cercando un luogo alternativo dove fare Diving o Snorkeling o siete semplicemente curiosi e appassionati dei luoghi tropicali ecco i migliori siti di immersione nelle Filippine.

Qui non solo ci sono spiagge bellissime con sabbia bianca e mare turchese da cartolina, ma ci sono anche luoghi che rendono felici chi ha la passione per la subacquea.

Barriere coralline strepitose, esemplari di pesci che non si vedono altrove, possibilità di scegliere tra centinaia di siti in cui immergersi per fini fotografici o per semplice curiosità di esplorare un fondo marino incontaminato, pulito, magnifico nel suo essere.

Tra i migliori siti di immersione nelle Filippine si contano anche alcuni posti che sono ritenuti i migliori al mondo in questo senso e che quindi vale la pena menzionare.

I fondali si caratterizzano per i loro colori, per essere predisposti sia per sub esperti ma anche per principianti, poiché non è necessario raggiungere gli abissi per divertirsi e rimanere meravigliati dello spettacolo che la natura, con la sua flora e fauna marina, offre.

Se siete appassionati delle immersioni con muta e bombole, vi forniamo qualche suggerimento, in modo che se avete in programma una vacanza nelle Filippine portatevi il materiale adeguato per scendere sotto la superficie del mare.

Bastano anche 15-20 metri di profondità.

Dove fare Immersioni nelle Filippine : I 7 Migliori Luoghi per Diving e Snorkeling

Immersioni Filippine 1

1) Monad Shoal (Malapasqua)

Monad Shoal è un piccolo isolotto che si trova nei pressi dell’isola di Malapascua, (Se cercate un alloggio leggete qui la Guida) una delle migliori spiagge delle Filippine (Qui invece la nostra Top 10 per le spiagge) e luogo rinomato a livello mondiale proprio per le immersioni, al punto di risultare tra i migliori in assoluto.

Se lo snorkeling si pratica a riva, nel momento in cui desiderate provare il brivido della subacquea non dovreste lasciarvi sfuggire la possibilità di scendere rapidamente fino a 200 metri per osservare l’habitat di squali (tra cui quello trebbiatrice), di altri pesci e di molte altre specie marine.

Ma se vi soffermate più in superficie, ciò che nuota intorno alla barriera corallina è ugualmente ammirevole e degno di nota.

Qui le immersioni avvengono sia da parte di coloro i quali mostrano grande spirito di avventura, sia da chi ama la fotografia in stile macro sui fondali del mare.

In determinate fasce orarie gli squali Thresher salgono più in superficie (a circa 25-30 metri di profondità) per “lavarsi” ed è possibile ammirarli in tutto il loro splendore.

Sono squali tendenzialmente timidi e sfuggevoli che ben si prestano ad essere osservati.

2) Tubbataha Reef nei Pressi di Puerto Princesa (Palawan)

Se volete immergervi in un paradiso, a Tubbatatha Reef avete trovato il luogo giusto.

La particolarità di questo posto è presto detta: al mondo una delle barriere coralline più belle si trova proprio qui.

Non a caso circa 50 anni or-sono alcuni sub scoprirono questa meta quasi per caso e da quel momento in poi è stato mostrato agli occhi dell’umanità un patrimonio naturale inestimabile e non replicabile altrove.

Talmente bello che Tubbatatha Reef è classificata tra i migliori 8 siti al mondo in cui fare immersioni subacquee.

L’isolotto si raggiunge solamente in barca e da lì è poi possibile immergersi per ammirare esemplari unici di flora e fauna marina, esempio di una biodiversità incredibilmente varia, con mante, squali e tartarughe marine, oltre ad altri moltissimi elementi preziosi.

La barriera corallina si estende non in grande ampiezza, ma è possibile anche spostarsi per osservarne altre.

A poco più di 120 Km di distanza si trova l’isola di Cagayancillo, un luogo sperduto in cui abitano prevalentemente pescatori.

Proprio in questo tratto marino è facile per il subacqueo ammirare qualcosa di unico, arricchendo l’esperienza di immersione fatta a Tubbataha Reef.

3) Cabilao Island (Bohol)

Unire relax e passione per un hobby è certamente una soluzione interessante e valida.

Questo dovrebbero pensare tutti coloro i quali si recano a Cabilao, località tranquilla ed esterna ai più frequenti itinerari turistici delle Filippine, ma conosciuta più per essere un sito tra i migliori per le immersioni sott’acqua.

Sono molti gli animali che popolano il fondale marino, molto spettacolari, colorati e di grande attrazione.

Alcuni di essi sono protetti e talmente rari che vivono in zone vietate all’uomo, ma poco male poiché le immersioni a Cabilao sono considerate a livello mondiale.

Il luogo è molto tranquillo e isolato: si incontrano biciclette e alcuni motorini oppure veicoli a motore molto simili al “nostro” Ape.

La vita principale è proprio sottomarina e infatti chi si immerge per curiosità o per realizzare scatti fotografici unici e spettacolari non rimarrà affatto deluso.

A Cabilao ci sono diversi siti dove scendere e poter ammirare specie uniche di pesci e creature.

Vi è anche una zona fangosa che è il Muro di Pangangan dove già sotto i 10 metri è possibile avvistare scorfani e pesci molto particolare, prima di scendere a -60 metri contemplando coralli di qualsiasi genere.

Nella zona nord dell’isola, spostandosi verso ovest, il fondale è caratterizzato da una specie di vero e proprio altopiano che ha il pregio di essere localizzato in una zona molto chiara, limpida e luminosa.

Questo consente di poter aprire la vista verso un raggio abbastanza ampio, osservando la barriera corallina, barracuda e squali, scendendo per circa una trentina di metri e appoggiandosi sul fondo sabbioso, dove vivono pesci fantasma e cavallucci spinosi.

4) Dauin nell’ISola di Negros

Immersioni a 360 gradi a Dauin nell’Isola di Negros, con decine e decine di siti dove immergersi intorno all’isola.

Apo Island è uno di questi e già dal mattino presto è possibile osservare pesci coloratissimi, coralli, erbe marine, serpenti di mare e tanti altri esseri viventi.

L’inquinamento pari a zero fa in modo che tutto sia ottimamente conservato, rendendo l’esperienza di immersione unica e avvincente.

La morfologia territoriale aiuta anche i neofiti e principianti: ci sono luoghi in cui è possibile immergersi anche per chi è alle prime armi, mentre altri siti richiedono un maggior tasso di esperienza.

Mainit è un altro luogo idilliaco per immergersi a Dauin, al punto che viene definito santuario.

L’acqua azzurra permette una visione d’insieme a partire dalle basse profondità, da 5 a 18 metri, caratterizzate dalla presenza di tantissima sabbia e quindi di molta luce.

I coralli sono presenti, come anche i barracuda, i pesce chirurgo e i dentici.

Sul fondale c’è un punto in cui vi è una sorgente di acqua naturalmente calda che favorisce a rendere ancor più magica e appagante l’immersione.

Se gradite rilassarvi sottacqua scegliete di immergervi a San Miguel, sempre a Dauin.

Qui l’uomo ha creato una attrazione molto intelligente ricreando una barriera corallina artificiale con vecchi pneumatici di camion usurati e disposti sul fondale, favorendo il nascondiglio per alcune creature e agevolando il proliferare di coralli, ad una profondità non superiore a 20 metri.

Diverse specie di pesci trovano rifugio in questo luogo.

5) Alona sull’Isola di Panglao

Alona è una spiaggia bianca e molto bella al punto di essere tra le migliori spiagge delle Filippine, non solo per il relax sulla terraferma, ma anche per chi desidera fare immersioni in mare con muta e bombole.

Un sito interessante per immersioni nelle Filippine è chiamato BBC e dista circa un quarto d’ora di barca da Alona Beach.

Qui la barriera corallina inizia a circa 8 metri di profondità e accompagna la discesa fino a 30 metri.

In zona si intravvedono anche dei relitti di imbarcazioni che sono però ricoperti interamente da coralli.

Improvvisamente è facile imbattersi in scogliere e pendii di non facile gestione e quindi è opportuno tenere gli occhi aperti e prestare attenzione, la stessa che serve per individuare il pesce pagliaccio, il pesce diavolo, i cavallucci marini di specie pigmea, e il pesce rana.

Esistono altri punti nelle vicinanze che si caratterizzano per la presenza di imbarcazioni affondate che oggi sono diventate abitazioni di pesci e di coralli, generando una spettacolo appassionante, colorato e sicuramente inusuale nelle forme.

Arco Point è un punto di discesa alquanto intrigante non solo per ciò che potrete vedere in acqua, ma per la presenza di una galleria (chiamata il buco nel muro) che è lunga una decina di metri e che scende fino a una ventina di metri.

Il percorso è costellato dalla presenza di coralli che rivestono le pareti, mentre una volta giunti sul fondo, oltre a poter scrutare con lo sguardo per prendere visione dei serpenti marini, è possibile godere di un giardino di coralli che si protrae fino ad una trentina di metri di profondità.

A seconda del percorso, il luogo è idoneo a principianti e a subacquei esperti. Inoltre sono diverse le varietà di pesci che si possono ammirare.

6) Isola Balicasag (Bohol)

Viene considerata una tre le migliori isole mondiali per le immersioni subacquee grazie alla vita marina che pullula di esseri viventi, tra cui tartarughe e coralli.

Le immersioni sono più a favore di persone esperte, specialmente in alcuni punti. Inoltre possono esserci correnti improvvise che generalmente favoriscono la spinta verso riva e quini agevolano il rientro, ma è necessario conoscerle e non perdere l’orientamento.

Nel Bolicasag il punto di immersione migliore è forse quello che viene definito come Foresta Nera, ovvero un punto piuttosto ripido che porta fino a oltre 35 metri sotto l’acqua. Il nome, seppure tenebroso e un po’ inquietante, è dovuto alla presenza di moltissimi coralli neri che ovviamente scuriscono la visuale.

E’ opportuno dunque prestare molta attenzione per vedere i barracuda e altra vegetazione tipica del fondale.

Se invece c’è predilezione per le tartarughe marine è possibile andare al Turtle Point, una zona di immersione che è rinomata per gli incontri ravvicinati con le testuggini, dove è possibile avventurarsi in grotte situate anche a 70-80 metri di profondità.

Se volete scendere ancora di più, a Balicasag vi è un vero e proprio santuario marino: una parete che giunge diretta in discesa fino a 200 metri mostrando coralli, piante e pesci che non si vedono certo in altre condizioni.

L’isola si caratterizza per avere siti di immersione che sono veri e propri giardini di coralli e piante marine, da osservare, fotografare e rispettare, posti solitamente ad una profondità di 18-25 metri a seconda dei luoghi.

Una nota simpatica che merita citazione: soprattutto al mattino presto è possibile vedere a distanza ragionevole gruppi di delfini che nuotano in superficie e che fuoriescono dall’acqua.

Chi si immerge a distanza dalla riva può essere fortunato e vivere l’esperienza emozionante di nuotare insieme a loro.

7) Malapascua nei Pressi di Cebu

Non solo spiaggia, ma anche ottime idee per immergervi a Malapascua. (Qui Trovate i nostri consigli per gli alloggi)

Kemod Shoal è un sito molto interessante facilmente raggiungibile dall’isola e distante circa trequarti d’ora.

Fin dai 10 metri è possibile avvistare tappeti corallini e spugne, ma scendendo di qualche metro ancora è facile trovarsi davanti intere pareti ricoperte da coralli.

La possibilità di incontrare pesci martello, altri squali e altre tipologie di esseri viventi è certamente un plus che appaga la discesa, specialmente se effettuata nelle ore del pomeriggio.

Prendendo una piccola barca da Malapascua è possibile arrivare in circa 15 minuti a Lapuslapus, un sito per immersioni che si trova nella zona nord occidentale caratterizzato dalla presenza di rocce che sono la casa di coralli e di pesci.

La zona è facilmente raggiungibile ed è esplorabile senza particolari nozioni, il che rende l’immersione semplificata per chi non vanta grande esperienza subacquea.

Se apprezzate le immersioni notturne e avete il desiderio di provarne l’emozione, dall’isola recatevi a Faro, un sito posto a una quindicina di minuti che è rinomato per la presenza di pesci mandarino, osservabili nella notte, come tante altre creature che in quei fondali con la venuta del buio escono allo scoperto per iniziare la loro vita.

Bastano 45 minuti per giungere a Gato Island in barca partendo da Malapascua.

Il sito di immersione in questione è rinomato perché è molto particolare non solo per la presenza di serpenti marini a squali che si adagiano nelle insenature rocciose, ma anche per la presenza di una galleria che sott’acqua attraversa l’intera isola consentendo al sub di entrare in acqua da una parte e uscire dall’altra.

Al suo interno sono visibili diversi pesci che nuotano e si rifugiano nei pressi delle rocce che caratterizzano quel preciso punto.

Se amate le immersioni, questo è davvero un posto da prendere in considerazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su