Questo Articolo Potrebbe contenere link di Affiliazione dei link di affiliazione Amazon o Awin, cliccando sui link e successivamente effettuando un acquisto mi permetterete di guadagnare una piccola commissione, nessun aumento di prezzo ovviamente. Maggiori informazioni qui.

Perché in Giappone non ci sono i Cestini

Perché in Giappone non ci sono i Cestini? Ecco dove Trovarli

In un paese in cui i distributori di bibite automatiche si trovano ovunque fa un po strano non vedere in giro per le città dei cestini per la spazzatura,
pur non essendo assenti del tutto è un dettaglio che balza alla vista e che ci porta subito a domandarci come facciano a mantenere le città cosi pulite senza dei cassonetti e ovviamente per quale motivo siano assenti, veniamo subito al dunque :

Perché in Giappone non ci sono i cestini della spazzatura? E’ una scelta drastica effettuata dal Governo Giapponese nella prima metà degli anni 90 a seguito di un attacco terroristico interno. I criminali nascosero un gas tossico nei cestini di alcune stazioni della metro, gas che una volta rilasciato uccise 12 persone e ne ferì più di 5 mila. A seguito di questo incidente il Governo opto per diminuire drasticamente il numero di cestini per evitare che la tragedia si potesse ripetere.

Ovviamente non è l’unico motivo per cui si è giunti ad una decisione del genere, ma possiamo definire questo episodio come un fattore scatenante, un idea che probabilmente era già in cantiere da tempo per altri motivi e che allo stesso tempo fu la scelta ideale per calmare l’opinione pubblica e mettere in sicurezza la popolazione.

Negli ultimi anni il Governo Nipponico ha parzialmente rivisto questa politica o meglio, sta pensando di renderla meno rigida, non si esclude quindi la possibilità che nel prossimo futuro la situazione abbia una svolta.

Aum Shinrikyo e l’attacco Terroristico del 20 Marzo del 1995 a Tokyo

Per capire la portata del danno e del problema creato dal gruppo terroristico Aum Shinrikyo, bisogna pensare in grande, se non siete mai stati in Giappone e non avete mai preso la Metropolitana è difficile farsi un idea, si sa che è grande, ma una volta li sul posto ci si rende conto della quantità immensa di persone che la frequentano ogni giorno.

Come ho scritto in altri articoli ho vissuto 5 anni a Parigi e ho preso la metropolitana più grande del mondo ogni giorno per recarmi a lavoro, avendola presa anche a Tokyo vi posso assicurare che non si possono paragonare. (Da Questo Sito interamente dedicato al Giappone potrete scaricare una Copia della Mappa della Metro di Tokyo)

La metro di Tokyo è un po più piccola come area ma ha un affluenza di persone tanto elevata che viene da chiedersi da dove saltino fuori, questo dovrebbe darvi un idea del luogo in cui è avvenuta la tragedia e del perché si è giunti ad una contromisura cosi importante.

Per quanto riguarda l’incidente in se non sono chiare le motivazioni che spinsero il capo del gruppo, Asahara, a compiere un gesto cosi spietato.

Da parte della Polizia l’ipotesi più accreditata fu che Asahara cercava di diventare il Re del Giappone mentre alcuni giornalisti sostennero che per sviare le forze dell’ordine dalle loro tracce il gruppo opto per un attentato.

Non serve invece dedicare del tempo nel spiegare quali conseguenze può avere liberare un gas tossico in più aree della metro di Tokyo contemporaneamente.

Asahara fu condannato a morte, la sua esecuzione è avvenuta nel 2018, e si, in Giappone esiste ancora la pena di morte, una pena dedicata a crimini principalmente pesanti.

Quali altri motivi ci sono dietro l’assenza dei cestini in Giappone?

Cestini per la spazzatura nella Metro di Tokyo
Cestini per la spazzatura nella Metro di Tokyo

Il secondo motivo per cui i cestini sono quasi del tutto assenti in Giappone è di carattere economico, per farla breve, la raccolta dei rifiuti è finanziata con i soldi pubblici, per risparmiare su questa spesa levarli è la soluzione ideale.

So che state pensando che da noi in Italia e nella maggior parte delle nazioni nel mondo sarebbe impossibile replicare questo sistema, e avete perfettamente ragione.

Questo sistema è sostenibile in Giappone perché ricevono un educazione diversa dalla nostra, con questo non voglio dire che noi siamo maleducati e loro no, ma che loro rispettano l’ambiente e noi per la maggior parte non lo facciamo.

Questo tipo di educazione inizia da subito dai primi anni di Asilo e di scuola, sapevate che in Giappone non ci sono Bidelli?

Sono i bambini a turni prestabiliti a pulire le Aule, questi valori se li portano avanti negli anni.

Ha fatto clamore lo scorso mondiale di calcio la notizia della squadra Giapponese di calcio che puliva lo spogliatoio prima di andare via dallo stadio, per loro è una cosa normale!

Curiosità : I cassonetti per i rifiuti casalinghi sono presenti in ogni quartiere e si fa la raccolta differenziata.

Come fa Tokyo ad essere cosi pulita senza cestini?

Stesso motivo citato poco fa, i Giapponesi sono stati educati sin da piccoli a rispettare l’ambiente, non buttano nulla in terra per strada e se vedono qualcosa per terra la raccolgono.

Alcuni di voi potrebbero non saperlo ma in tutto il Giappone non si può fumare liberamente, ci sono delle aree apposite simili a delle fermate per il Bus ma chiuse in cui si può fumare, questo è il motivo per cui non vedrai una cicca per terra nel paese del sol levante.

In molti potreste pensare che sia una soluzione rispettosa anche per chi non fuma, ed è vero, ma non penso che sia il motivo per cui esistono queste aree, insomma se questo fosse vero non si potrebbe fumare all’interno dei locali dove invece si può previa autorizzazione del titolare.

Dove posso trovare dei cestini A Tokyo?

Distrinutori Giapponesi

La maggior parte dei cestini si possono trovare fuori dai Combini o dei 7 Eleven (qui potete anche prelevare) e a fianco dei distributori automatici.

Se acquistate una lattina dai distributori (ottime le bevande calde se andate in Inverno), vi consiglio di fermarvi 5 minuti vicino al distributore bere la bevanda e sfruttare i 2 cestini, uno per le bottiglie di vetro, l’altro per quelle di alluminio.

Potreste non vedere un’altro cestino per molto tempo e finire con il vagare per Tokyo con una lattina in mano senza sapere quando riuscirete a trovarne un’altro.

Un altro motivo per fermarvi dove acquistate è legato al fatto che i cestini sono proprietà dei negozi e non potreste utilizzarli se non dopo aver acquistato qualcosa, è molto scortese e potreste venire ripresi, alcuni negozi potrebbero averli all’interno proprio per evitare questo problema.

Per quanto riguarda i cestini “Gratuiti”, potrete trovarli solitamente nei parchi e nella metro in prossimità dei negozi e delle biglietterie.

Consigli Finali :

Il primo consiglio è mangiare o bere nel posto in cui acquisti in modo da poter utilizzare i loro cestini, un’altro consiglio è quello di prepararsi a questo “problema” in anticipo.

A me personalmente piace viaggiare con le mani libere, in ogni viaggio portò con me uno zainetto ed un semplice sacchetto impermeabile o sacchetto per congelare per le lattine.

Per il Giappone è molto semplice rispetto ad altre nazioni perchè nessuno cercherà mai di rubarvi qualcosa, nemmeno sulla metro, uno zainetto di naylon a pochi euro è più che perfetto, un esempio è questo modello su Amazon ed è anche impermeabile.

Onestamente qui non ha senso spendere cifre più alte, Tokyo è una delle città più sicure del mondo.

Se non porti con te attrezzatura di valore che necessità di una protezione adeguata qualsiasi zainetto a pochi euro o che già possiedi andrà benissimo, anche perché non occupa spazio in valigia e non pesa nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su